Astral, fallimento della Regione Lazio

L'Astral, Azienda Strade Lazio, come più volte denunciato da Movimento Libero Iniziativa Sociale, sta mandando in sofferenza di cassa la Regione. La quantità di soldi passati dall'Ente all'Astral è aumentata a dismisura, fino ad arrivare, come emerso nel corso di una audizione tenuta in sede di commissione Lavori Pubblici, a quota 310 milioni di euro. Ed a parlare di "situazione catastrofica" e "gestione allegra", non siamo noi, ma è stato il neo presidente dell'azienda Tommaso Luzzi. Il quale ha fatto anche riferimento a "40 milioni di fatture emesse da ditte operatrici", "13 milioni di fatture non ancora emesse", di un "buco di circa 7,5 milioni in banca". Ed ha concluso con un " non vorremmo essere quelli che hanno chiuso Astral". Evidentemente, aggiungiamo noi, tutte le battaglie portate avanti nel corso di questi mesi da MLIS hanno un loro valido fondamento: basti pensare che alcuni nostri comunicati sul caso erano nelle cartelline messe a disposizione dei partecipanti all'audizione.
Lo stesso assessore ai Lavori Pubblici, Luca Malcotti, ha dovuto riconoscere che l'assessore al bilancio ha ritenuto di cercare di capire quali "sofferenze" si sono formate senza copertura finanziaria nel bilancio regionale. Ci sono, ha dichiarato, "contenziosi che possono arrivare a 50 / 60 milioni di euro e questi sono debiti senza copertura". L'AD Marco Coletti ha parlato di una situazione non facile da ricostruire: "definirei la gestione della contabilità pittoresca". I direttori di singoli lavori "potevano predisporre per una variante- queste le sue parole- senza preoccuparsi che vi fosse copertura". Addirittura "non ci sono certificazioni di qualità. Ognuno fa come vuole e per non penalizzare l'attività viaria debbo firmare una mole di carte". Stando così le cose e tenendo presente che il bilancio aziendale 2010 non è stato approvato, cominciamo a capire il perché dei tanti silenzi della presidente Renata Polverini di fronte alle insistenti interrogazioni presentate dal Gruppo Radicale su una situazione che risale almeno al 2005. Capiamo e condanniamo il silenzio sul deficit, il silenzio sulla pianta organica, il silenzio sulle consulenze, il silenzio sulle carte di credito, il silenzio sulle modalità di assunzione del personale, il silenzio sulle spese di rappresentanza. Perché ancora non si risponde e si procede con audizioni nel corso delle quali non può essere smentito uno stato di fatto ma non si definiscono responsabili e responsabilità? Perché il centrodestra, nella persona della presidente Polverini, non fa chiarezza su una gestione aziendale di centrosinistra? Accertata tale situazione, perché la contabilità aziendale ancora non viene messa a disposizione del Tribunale?

13 Dicembre 2011

lavocelibera.it -Movimento Libero Iniziativa Sociale

Archivio comunicati

Giugno 2017

Maggio 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Giugno 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Novembre 2015

Ottobre 2015

Giugno 2015

Maggio 2015

Aprile 2015

Marzo 2015

Febbraio 2015

Gennaio 2015

Dicembre 2014

Novembre 2014

Settembre 2014

Agosto 2014

Luglio 2014

Maggio 2014

Aprile 2014

Febbraio 2014

Gennaio 2014

Dicembre 2013

Novembre 20013

Ottobre 2013

Settembre 2013

Agosto 2013

Luglio 2013

Giugno 2013

Maggio 2013

Aprile 2013

Marzo 2013

Febbraio 2013

Gennaio 2013

Dicembre 2012

Novembre 2012

Ottobre 2012

Settembre 2012

Agosto 2012

Luglio 2012

Giugno 2012

Maggio 2012

Aprile 2013

Aprile 2012

Marzo 2012

Febbraio 2012

Gennaio 2012

Dicembre 2011

Novembre 2011

Ottobre 2011

Settembre 2011

Agosto 2011

Luglio 2011

Giugno 2011

Maggio 2011

Aprile 2011

Marzo 2011

Febbraio 2011

Gennaio 2011

Dicembre 2010

Novembre 2010

Ottobre 2010

Settembre 2010

Agosto 2010

Luglio 2010

Giugno 2010

Maggio 2010

Aprile 2010

Marzo 2010

Febbraio 2010

Gennaio 2010

Dicembre 2009

Novembre 2009

Ottobre 2009

Settembre 2009

Agosto 2009

Luglio 2009

Giugno 2009

Maggio 2009

Aprile 2009

Marzo 2009

Febbraio 2009

Gennaio 2009

Dicembre 2008

Novembre 2008

Ottobre 2008

Settembre 2008

Agosto 2008

Luglio 2008

Giugno 2008

Maggio 2008

Aprile 2008

Marzo 2008

Febbraio 2008

Gennaio 2008