L'Ecomostro va abbattuto

Gli ecomostri vanno abbattuti. E va quindi demolito anche quello che a Sezze (LT) ha stuprato la collina che ospitava il popolare Anfiteatro, progettato e realizzato dall'architetto Piacentini. La sua vicenda, grazie alle battaglie portate avanti in questi anni da Movimento Libero Iniziativa Sociale, è ormai nota, anche perché approdata sui più importanti media televisivi nazionali. Con fondi strutturali europei, finalizzati al recupero ed alla valorizzazione di beni architettonici, si è impropriamente proceduto alla distruzione con le ruspe dell'importante complesso. Un'operazione costata circa 2 milioni e mezzo di euro, quando un precedente progetto già approvato da Regione Lazio e Comune di Sezze prevedeva la ristrutturazione e la messa a norma della struttura di Piacentini con soli 300 mila euro. L'impegno di Mlis nell'ambito del Consiglio regionale e nel Parlamento europeo, ha contribuito a fare luce sulla vicenda: l'ente comunale è stato chiamato a restituire i fondi. Ma restano ancora tante perplessità da chiarire, a partire dall'accantonamento del progetto originario di recupero, con la sovrapposizione ad esso di uno nuovo finalizzato all'abbattimento dell'Anfiteatro, che ha condotto al deturpamento di tutta l'area e ad un danno ambientale e paesaggistico di notevole entità, per finire a tutta una serie di autorizzazioni che non si sa se, come e perché siano state eventualmente concesse. Chi ha esposto il Comune a questo disastro anche erariale dovrà risponderne, come deve essere fatta piena luce su come i fondi elargiti siano stati utilizzati. E se qualcuno ancora spera di poter ottenere ulteriori fondi per portare a termine lo scempio compiuto, abbia ben chiaro che Mlis non si fermerà e sulla scia dei diversi abbattimenti di ecomostri che in tutta Italia hanno deturpato il paesaggio, farà del tutto perché l'orrenda colata di cemento che ha sostituito l'Anfiteatro venga rasa al suolo, al fine di realizzare un progetto che preveda la ricostruzione delle originarie gradinate e la restituzione alla città di un complesso che tanto lustro le aveva dato. Mlis comunica a chiunque sia interessato alla vicenda e vuole contribuire alla sua risoluzione, che ha attivato da tempo due gruppi face book ("Anfiteatro di Sezze Ecomostro", "Anfiteatro di Sezze Ecomostro, abbattiamolo") che contano già più di mille adesioni. Ulteriori informazioni si trovano sul sito ufficiale del Movimento, lavocelibera.it.

Anfiteatro_di_Sezze.jpg

Anfiteatro_2.jpg

ecomostro_2.jpg

Sezze 1 Agosto 2013

lavocelibera.it - Movimento Libero Iniziativa Sociale

Archivio comunicati

Giugno 2017

Maggio 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Giugno 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Novembre 2015

Ottobre 2015

Giugno 2015

Maggio 2015

Aprile 2015

Marzo 2015

Febbraio 2015

Gennaio 2015

Dicembre 2014

Novembre 2014

Settembre 2014

Agosto 2014

Luglio 2014

Maggio 2014

Aprile 2014

Febbraio 2014

Gennaio 2014

Dicembre 2013

Novembre 20013

Ottobre 2013

Settembre 2013

Agosto 2013

Luglio 2013

Giugno 2013

Maggio 2013

Aprile 2013

Marzo 2013

Febbraio 2013

Gennaio 2013

Dicembre 2012

Novembre 2012

Ottobre 2012

Settembre 2012

Agosto 2012

Luglio 2012

Giugno 2012

Maggio 2012

Aprile 2013

Aprile 2012

Marzo 2012

Febbraio 2012

Gennaio 2012

Dicembre 2011

Novembre 2011

Ottobre 2011

Settembre 2011

Agosto 2011

Luglio 2011

Giugno 2011

Maggio 2011

Aprile 2011

Marzo 2011

Febbraio 2011

Gennaio 2011

Dicembre 2010

Novembre 2010

Ottobre 2010

Settembre 2010

Agosto 2010

Luglio 2010

Giugno 2010

Maggio 2010

Aprile 2010

Marzo 2010

Febbraio 2010

Gennaio 2010

Dicembre 2009

Novembre 2009

Ottobre 2009

Settembre 2009

Agosto 2009

Luglio 2009

Giugno 2009

Maggio 2009

Aprile 2009

Marzo 2009

Febbraio 2009

Gennaio 2009

Dicembre 2008

Novembre 2008

Ottobre 2008

Settembre 2008

Agosto 2008

Luglio 2008

Giugno 2008

Maggio 2008

Aprile 2008

Marzo 2008

Febbraio 2008

Gennaio 2008